63ma Sagra della Mimosa a Pieve Ligure: la prima volta del Comune di Ne

NE- Si è svolta domenica 9 Febbraio 2020 la 63ma edizione della Sagra della Mimosa a Pieve Ligure e, per la prima volta, anche la Val Graveglia ha partecipato con il suo carro fiorito, grazie all’iniziativa della locale Pro Loco in collaborazione con la Miniera di Gambatesa.  Un carro fortemente rappresentativo della storia, del territorio e della gente della Valle quello della Pro Loco Val Graveglia, all’insegna della garibaldina discendenza con i personaggi di Giuseppe e Anita Garibaldi, della vita in miniera con la riproduzione dell’entrata della Galleria Cadorin a Gambatesa , della vita contadina con i nostri vitigni e uliveti e dell’antica pratica di essiccazione delle castagne nella gre (edificio in pietra a due piani divisi da un graticcio di asticelle di legno duro, la gre appunto,dove al piano inferiore si faceva il fuoco necessario a seccare le castagne poste al piano superiore),  attività che in passato aveva permesso di sfamare numerose famiglie valgravegline e non solo. Protagoniste sono proprio le castagne in alcune delle specialità proposte dalla Pro Loco Val Graveglia nel suo stand gastronomico: il Castagnaccio e il Pan Martin, accanto ai quali non potevano mancare piatti quali la Baciocca, i testaieu o il prebuggiun.

L’Amministrazione Comunale di Ne, presente all’evento nelle persone dell’Assessore Maria Stella Mignone e del Vicesindaco Fabrizio Podestà, si complimenta con quanti hanno permesso la buona riuscita di questa giornata all’insegna dell’amicizia tra comunità distanti fisicamente ma non negli intenti,nello specifico le sopracitate Pro Loco Val Graveglia e Miniera di Gambatesa, Roberta Adreveno per le splendide decorazioni floreali, e ringrazia  della calorosa accoglienza la Pro Loco di Pieve Ligure, l’Amministrazione Comunale nella persona del sindaco Adolfo Olcese, il Consigliere e Capogruppo di maggioranza, nonché organizzatore di tutta la manifestazione, Carlo Rivolta.

from Tigullio News https://ift.tt/31JiiLm
via IFTTT